Recensioni

Recensione di “Le regole della risonanza”

Ciao amici, eccoci qui con una nuova recensione. 

Ada ha 28 anni, vive a Soldeno -un piccolo paese di montagna dove tutti conoscono tutti e sanno di tutti- e lavora nel albergo più importante della zona. 

Ada è da sempre legata alla sua cara zia Viola, eterna viaggiatrice, che purtroppo muore lasciandole un vuoto immenso. 

A questo si aggiungono proprio le cartoline della zia che iniziano ad arrivare dopo la sepoltura della stessa e ognuna da una meta differente e con delle frasi apparentemente senza valore. 

Ma non finisce qui; la protagonista deve districarsi tra tradimenti e sofferenze ma…dove porteranno tutti questi “casini”?

 

 

Le regole della risonanza narra di un estratto di vita, di un cambiamento forse, o semplicemente di un episodio che potrebbe assomigliare a quelli di molti. 

Si parte certo da un paesino tra le valli dove vivere risulta stretto a molti (a me per esempio) ma la protagonista sembra adattarsi perfettamente. 

Si prosegue tra amore, amicizia, famiglia ed errori; quattro essenze (nel bene e nel male) di ognuno di noi. 

E i legami dolori, quelli che non capisci perché si siano conclusi ma che lasciano ferite sempre aperte. 

All’inizio non capivo il perché di quel titolo, non riuscivo a collegarlo alla storia, ne immaginavo il finale. 

 

 

Le regole della risonanza non è solo il concerto del vibrato delle piante. 

Non è solo un “riflesso”, un riecheggio. 

Ci si perde in quel che conosciamo e che siamo abituati a vivere; ci dimentichiamo cosa sia davvero emozionante, liberatorio.

Ci adagiamo nella confort zone o nel semplice regolamento sociale del “deve esser cosi”, “è giusto che ti comporti cosi”, “tu vuoi questo, altro no” o semplicemente “tu sei questo”.

Ci dimentichiamo cosa ci faceva gioire, non pensiamo più al rischio dettato dalla felicità e perdiamo un pezzetto di vita ma soprattutto un pezzetto di noi. 

Dentro, nel profondo, sentiamo la mancanza ma la nascondiamo con scuse traballanti perché non è facile ammettere una ferita, un dolore. 

Le regole della risonanza, attraverso una storia che potrebbe sembrare prima di finale (ma è questo il vero “finale” della vita…la scelta e la libertà che sono sempre differenti), è come se volesse continuare a ripetere di vivere. Di riassaporare ciò che ci rendeva felici da bimbi. 

Ci vuole incitare a rischiare, a uscire dagli schemi, a ragionare e porsi in discussione, a vivere girando il mondo (letteralmente o anche semplicemente essendo se stessi senza vergogna). 

Un romanzo moderno, attuale e forse pieno di lati che nascono da dolori e situazioni tristi. 

Mancanze. 

Solitudini forse. 

Un continuo contrasto tra luoghi e personaggi dove anche la natura e l’importanza d’essa, hanno un valore e fanno da filo conduttore per il cambiamento. 

Ecco amici, sinceramente non so se sono riuscita a esprimermi quanto volevo perché questo testo giovane in verità enuncia tematiche delicate e difficili da mettere nero su bianco, ma spero di esserci riuscita. 

Ora corro al prossimo libro. 

Vi abbraccio 

La vostra Ele

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.