Recensioni

Recensione di “Berlino – Il luogo dell’anima”

Ciao a tutti, eccoci con un’altra recensione per voi. Oggi facciamo un viaggio, andiamo a Berlino; visitiamo questa città con gli occhi di Nadia partendo dalla caduta del muro e scoprendo quindi il cambiamento di questa città, della popolazione e anche della struttura stessa. 

Nadia ci apre il cuore verso questa città che glielo ha rubato.

Ci parla di come si è emozionata la prima volta e di tutte le volte successive.

Ci racconta i particolari che nessun turista potrebbe mai vedere e che magari ci metterebbe anni e anni a notare.

Ci fa entrare in viette, quartieri, pezzi di storia che spesso non ci insegnano a scuola ok normale vacanza non ci concederebbe di vedere e nemmeno di notare.

 

 

Mentre continuavo a leggere il libro e a sfogliare le fotografie mi sembrava di essere seduta a un tavolo di casa con una cioccolata calda davanti e Nadia seduta di fronte a me mentre mi raccontava le sue esperienze a Berlino trasmettendomi ogni emozione attraverso i suoi occhi innamorati che si percepiscono anche solo leggendo questo libro.

Sembra un discorso tra due persone dove il lettore fa delle domande implicite a cui Nadia prontamente risponde; è talmente scorrevole che le ripetizioni (che con un editing renderebbero perfetto questo testo) scivolano via facilmente proprio per questa sensazione di trovarsi di fronte a un dialogo e non a un testo.

Perché questo libro è un monologo dell’autrice dove ci mostra la passione per questa città, l’amore e il bisogno di trovare un luogo. Tutto descritto nei minimi dettagli e correlato di alcune sue fotografie che enfatizzano e completano ciò che viene descritto.

Un “posto” che ci faccia stare sereni, protetti o forse semplicemente accettati. 

In un certo senso lei ci fa capire quanto sia importante avere un posto di pace dove i problemi prendano una dimensione diversa e io voglio convincermi che Nadia voglia insegnarci che, Berlino, Milano, Torino, New York, Tokyo o  Sydney che siano, il posto tante volte non è dove nasci e/o dove cresci ma può essere lontano chilometri e comunque farti sentire a casa. 

 

 

Di sicuro ci mostra quanto lei ami Berlino e quanto rappresenti per l’autrice ma ritengo voglia esortarci anche a viaggiare e a scoprire mondi nuovi.

Non so dove porterà il prossimo libro di Nadia che spero di leggere ma sono certa che questa emozionante e personale “guida turistica” di Berlino mi hai fatto incuriosire verso una città nuova per me. Una città che non conosco e che forse senza questo libro mai avrei potuto vedere e scoprire realmente. 

Non so quando la visiterò ma di sicuro “Berlino – Il luogo dell’anima” mi accompagnerà in quello che sarà il viaggio e la scoperta di una città che senza le parole di Nadia mai avrebbe visto così tanta luce perché spesso ci fermiamo a vedere le ovvietà nei luoghi come nelle situazioni ma tante volte dietro l’angolo si trovano posti ed emozioni più belli. 

Un abbraccio 

La vostra Ele

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.