Recensioni

Recensione di “Non c’erano i fiori”

Buongiorno cari lettori e buon inizio settimana.

Ieri sera mi sono addentrata in una raccolta poetica nuova che l’autrice mi ha donato pochi giorni fa.

Arianna Galli è bella, giovane, a primo impatto appare spregiudicata e questo è il classico cliché che fa scattare stereotipi… uno degli errori più grandi.

Non si può mentire sull’età ed è davvero una giovane donna di vent’anni ma questo è solamente un pregio che implica tutto il futuro in cui sono sicura pubblicherà altri libri.

Parto con estrema sincerità: “Non c’erano fiori” non è una raccolta poetica per tutti.

È fondamentale leggere la colta e precisa prefazione che anticipa la lettura delle poesie ma, a dirla tutta, prima consiglio di leggerle direttamente e poi tornare all’inizio e “cercare” la spiegazione.

Perché?

Semplicemente per poter prima mettersi in gioco e provare ad entrare nei suoi testi, nella sua narrazione che si estende in queste pagine, grazie a queste poesie.

Leggere i versi fino nell’intimo di ciò che vogliono dipingere.

Si tratta di una crescita personale di un personaggio.

Un amore veloce, finito, crollato, che mette in crisi, rasentando la follia e da questo baratro la descrizione della sofferenza e l’evoluzione intima.

Ogni poesia sembra davvero un susseguirsi di un pezzo di vita, di storia.

La follia del dolore viene trasmessa dai vocaboli ma anche dalla punteggiatura, dalle sensazioni che ne scaturiscono.

Le concise quanto raffinate poesie -nonché ricche di sottintesi filosofici e letterari- evidenziano l’emotività di molte persone, descrivono le reazione a un dolore amoroso e sottolineano come anche la sofferenza possa servire per migliorarci, per cambiarci, per analizzare noi stessi ed evolverci perché un amore finito, come un prato senza fiori, non significa che tutto rimarrà spento, vuoto.

Cambiano le stagioni, cambia il tempo, e una rosa potrebbe spuntare proprio in quel posticino.

E volete sapere una cosa? Solo quando ho terminato la raccolta ho scoperto l’età dell’autrice e sono andata a sbirciare i suoi social e mai avrei pensato che una giovane mente avesse potuto scrivere poetiche cose filosofiche e complesse.

Pregiudizio, il mio, ne sono cosciente.

Da questo ne scaturisce il mio complimento sincero ad Arianna Galli.

Alla prossima recensione, la vostra Ele

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.