Recensioni

Recensione di “Qualcuno che ti ami in tutta la tua gloria devastata”

Ciao cari lettori, com’è iniziata la vostra settimana?

Io mi sono ritrovata con del mal di testa che mi ha impedito di scrivervi fino ad ora ma adesso sono qui che condivido con voi le mie riflessioni sul mio ultimo libro.

Anche questa volta parliamo d’amore attraverso questi racconti che portano all’esordio letterario di questo autore e sinceramente ha fatto un’entrata con il botto.

L’autore tratta il matrimonio, la conoscenza vera di una persona, l’esprimere ciò che si pensa, la paura di rimanere soli, le crisi che spesso nascono con l’arrivo dei figli rischiando di far andare alla ricerca di compagnia arrivando ad un’auto convinzione che sia tutto corretto, la caparbietà di un rapporto, la comunione di alcuni eventi che spesso crediamo capitino solo a noi, i veri legami affettivi che spesso sminuiamo, le relazioni finite e quelle al capolinea -ma non vogliamo accettare- e poi gli amori familiari e degli animali.

Ogni racconto può apparire letteralmente strambo, inusuale, impossibile, alieno.

Ogni storia appare distaccata dalla realtà creando un senso di protezione per chi si trova a sentirsi affine ad essa perché è assai difficile mettere in discussione questo sentimento, quel legame che è così radicato e necessario per la società e la felicità (almeno socialmente e apparentemente parlando).

Attraverso questi testi l’autore mette a nudo le ipocrisie, le fragilità, le stupidità di questo sentimento riflesso in questa società; il tutto con un condimento d’irriverenza, ironia, modernità e metafore.

Leggere questo libro ti garantisce in primis una risata (anche più di una) ma soprattutto una riflessione e un’analisi anche inconscia.

Arrivi a domandarti chi sei, se anche a te è capitato di trovarti ad affrontare la fine di un amore, o la paura di esser solo/a, o di tradire e molto altro.

Potresti davvero rivederti in un racconto e potrebbero salire anche i sensi di colpa o i ricordi anche dolorosi.

Il racconto finale in fondo lascia un messaggio importante che unisce tutti i testi precedenti perché la base dell’amore parte da noi stessi, dal nostro amarci e, per fare questo, dobbiamo esser noi stessi sempre anche a costo d’affrontare momenti difficili e tesi.

Un libro perfettamente moderno e adatto ad ogni pubblico di lettori.

Alla prossima recensione, la vostra Ele

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.