Recensioni

Recensione di “Tre mosse avanti”

Cari lettori, buongiorno e buon inizio settimana.

Giovedì scorso sono andata a Milano alla presentazione di questo nuovo romanzo di Dan Ruben, autore di cui vi ho già parlato in passato e che stimo molto.

Dan Ruben, alias Ciro De Luca, è stato il primo autore che si è affidato a me e ha creduto in quella che era la mia nuova avventura (ancora inconsapevole).

Ma cosa narra “Tre mosse avanti”?

Siamo in Russia dove una giovane donna, Marika Morozova, ha un solo obiettivo: vendicarsi dell’uomo che ha ucciso suo padre. Ma un imprevisto rischia di farla fallire e la porta a dover scappare dalla mafia russa e, contemporaneamente, inizia ad esser ricercata in tutto il Paese. Marika non ha scelta se non quella di affidarsi completamente a “Igor”, il ladro che l’ha salvata: un uomo misterioso e sfuggente di cui non le è dato conoscere neppure il vero nome.

Tra intrighi internazionali, un rischioso doppio gioco e una resa dei conti col passato, Marika e Igor si ritroveranno protagonisti di una pericolosa partita a scacchi dove, per sopravvivere, dovranno essere sempre “tre mosse avanti” rispetto ai loro avversari.

Dan Ruben mi ha sempre stupita in ogni suo libro perché spesso parte da fatti di cronaca realmente accaduti e descrive informandosi continuamente su ciò che avviene davvero in determinate ambientazioni o con determinati “cattivi” come la mafia russa.

In questa spy story si percepisce ancor di più la ricerca di azioni concrete e usuali dei vari “gruppi” protagonisti del libro e si evince come l’autore sia sempre più bravo a tessere la trama, incuriosire e descrivere emozioni e azioni.

Di pagina in pagina ci addentriamo nella vita della giovane ragazza e del suo salvatore mentre ci appassioniamo al loro incontro e agli intrighi internazionali che si svolgono di pari passo.

Ci troviamo a confrontarci con le ingiustizie, con gli abomini delle torture russe, con la mafia e la corruzione sempre più dilagante.

Tre mosse avanti” può esser letto come una intensa e avvincente spy story, ma anche come involucro di sentimenti come l’amore: quello intimo e quello famigliare.

I legami di sangue che influiscono nella nostra vita, quelli delle famiglie “acquisite” grazie ad azioni e sostegno e poi quello sentimentale, che sfocia nell’amore passionale.

Con la sua scrittura avvincente, grazie al suo realismo, alla sua cultura e il suo stile, Dan Ruben merita anche in questo caso un applauso.

Nel panorama italiano ci sono molti scrittori, alcuni famosi, altri meno… io mi auguro che questo scrittore continui a scrivere perché sono certa che lo troveremo sempre di più nelle librerie.

Alla prossima recensione, la vostra Ele

 

Un commento

  • Dan Ruben

    Grazie davvero per le belle parole, per la splendida recensione, ma soprattutto per aver condiviso con me, il 22 settembre, una giornata davvero importante e speciale. Sono onorato e felice di averti conosciuta. 🙏

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.