Recensioni

Recensione di “Sentieri”

Ho da poco terminato questa raccolta poetica che mi ha catturata inizialmente per la copertina con questo binomio di viola e verde; la quiete e la bellezza.

Mi sono addentrata in questa lettura piano piano, partendo dalla prefazione dell’autrice che fa subito capire la delicatezza di questa persona e il suo animo artistico e empatico.

Ho amato molte delle sue poetiche, mi sono rivista, mi sono emozionata e ho assaporato la sua terra: la Sardegna.

Stamani il sole tiepido che sapeva di primavera, mi ha concesso di leggere queste poesie mentre mi facevo riscaldare e le decantavo con Nala che ascoltava e tutto aveva un sapore davvero di margherita in un prato verde.

La poetessa scrive di vari argomenti anche molto forti e delicati come la morte, la violenza, gli abusi e la prostituzione.

Tratta tutto con molta empatia e coscienza.

A volte veniva il nodo in gola perché capivo cosa vuole trasmettere e mi sentivo persa, emozionata o triste, in base al testo specifico che stavo leggendo.

Delicata nel trattare argomenti tristi e altrettanto parlando d’amore di coppia, amore famigliare, amicizia, natura, mare e la sua amata Sardegna.

Ogni poetica, a prescindere da ciò che racchiude, risuona come la melodia di un mare calmo in primavera.

Virginia utilizza un lessico delicato, preciso, dolce e ricco di sapienza che denota quanto le sue poesie siano profonde, dettate dal cuore, da una riflessione personale e non additatrici o giudicanti.

Non ha paura di mostrare la paura verso il mondo di oggi evidenziando l’importanza di miglioare la società.

Insegnateci a distinguere l’Amore

perché la vita qualche volta è distratta

e senza farci sapere, apre la porta al male.”

Così si conclude la poesia “Siamo il sole nascente dell’umanità”, pagina 61.

Un percorso implicito forse, una riflessione che nasce dal profondo e che ti porta a conoscere l’animo di Virginia Murru e, se non la conosci già, ad amare la sua terra che è circondata da quel blu che dona pace e fa riflettere.

Sinceramente, avrei voluto poter leggere questa raccolta proprio in riva al mare perché quello, per come io lo concepisco, è il luogo adatto dove tuffarsi nei pensieri e deliziarsi con una buona lettura emotiva.

Questo libro è composto da dolci, suadenti, melodiosi Sentieri che portano in un luogo che è sempre differente da lettore a lettore ma che di sicuro rilassano ed emozionano.

Alla prossima recensione

La vostra Ele

2 commenti

  • Virginia Murru

    Grazie infinite della recensione, un osservatorio acuto e attento, prerogativa di chi ama, attraverso la lettura, ‘viaggiare’ in versi.
    Vorrei condividere nei social, sul mio profilo, ma non vedo le icone per la condivisione 🙂

    • Elenia

      Ciao Virginia, mi fa piacere che la mia recensione ti sia piaciuta.
      Dovrei aver aggiunto a fine recensione, le icone per la condivisione.
      Grazie mille a te, un abbraccio

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.