Blog

Buona Pasqua con Ungaretti

Ciao amici miei, questa Pasqua è diversa da tutte quelle che abbiamo passato negli ultimi anni e ieri sera pensavo a come farvi gli auguri finché non ho pensato al mio amato Ungaretti e alla sua poesia Soldati che io amo tanto.

Vi starete chiedendo perché ho pensato a questa poesia di Ungaretti proprio per augurarvi una Pasqua il più serena possibile.

Di per sé, Soldati è una poesia triste, sulla guerra e sullo stare sul filo di un rasoio.

Ecco amici miei, tutti noi, a causa di questa situazione d’emergenza, siamo un pò in bilico. Le nostre vite hanno subito cambiamenti drastici, abbiamo perso persone care e stiamo convivendo in questa situazione dove non sembra esserci via di uscita vicina. Pensavo a questo ieri sera e non potevo che rivederci in questa poesia.

Mamma mia, che triste che sembra questo post…me lo dico da sola!

Ma non fermatevi a questa interpretazione.

Soldati ben si integra con il significato che io do alla vita e alle infinite emozioni che viviamo ogni giorno…ma non è nemmeno questo ciò che intendo rappresenti questa poesia in questo frangente pasquale.

Noi siamo foglie in balia del vento autunnale, è vero, ma chi ha detto che siamo foglie di una pianta stagionale?

Per questa Pasqua insolita, auguro a ognuno di voi che la linfa della vostra pianta perennemente verde continui a irradiare i vostri pensieri e che questo triste momento passi il più sereno e quieto possibile.

Siamo piante sempre verdi che supereranno le difficili folate di vento che questo periodo ci sta costringendo ad affrontare.

E arriverà di nuovo una primavera mite che, con i suoi fiori colorati, riscalderà i nostri cuori dandoci ancora più energia.

BUONA PASQUA A TUTTI VOI!

Un abbraccio

La vostra Ele

6 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *