Recensioni

Recensione “La nuova moglie”

Titolo: La nuova moglie
Autrice: Jane Corry
Casa editrice: Piemme Edizioni 
Ciao ragazzi, oggi voglio parlarvi di questo thriller davvero avvincente i cui protagonisti sono Lily, Ed e Carla.
Tutto inizia in Inghilterra appena dopo la luna di miele, a Lily viene affidato il suo primo caso importante -deve riuscire a portare alla Corte d’appello il caso di un presunto assassino- mentre Ed, il suo neo marito, si dedica alla pittura che tanto ama.
Guardando la loro dal di fuori, sembra che tutto vada bene e che nonostante si conoscano da appena 6 mesi, sia amore vero però la verità è completamente diversa: la crisi era iniziata già durante il viaggio di nozze e tutto stava pian piano degenerando tra troppo alcool e indifferenza.
A tutto questo si aggiunge la piccola Sara -figlia della vicina- di cui iniziano a occuparsi mentre la madre lavora.
Carla inizia a scoprire la vera vita di questa giovane coppia carpendone i segreti e imparando quando essi siano una grande arma da poter utilizzare a proprio piacimento però un inevitabile scontro la costringe a tornarsene in Italia, al paese natio della madre.
Passano gli anni ma Carla non dimentica il suo passato; ormai ventiquattrenne decide ti tornare a Londra per riprendersi ciò che ritiene spettarle di diritto.
Lascio a voi scoprirne i dettagli.
Ho finito questo libro di 448 pagine in meno di un giorno perché ero letteralmente avvinghiata a Lily e volevo scoprire cosa sarebbe successo a quella giovane avvocatessa piena di segreti…ma non era l’unica ad averne.
Il libro alterna capitoli in cui viene esposta la vita e il punto di vista di Lily e capitoli in cui viene narrata la vita di Carla mostrando come ciò che accade alla bimba e all’avvocatessa sia percepito in modi differenti in base a chi li osserva.
Jane non è un’autrice alle prime armi, il suo curriculum è spettacolare e questa opera conferma la sua bravura e la sua capacità di “intrippare” il lettore lasciandolo a bocca aperta e con una riflessione importante.
I segreti sono il filo conduttore di tutta la storia facendoci riflettere su quanto non esista una piena e totale verità e non esista una persona pura e linda…tutti abbiamo grandi o piccoli segreti, tutti abbiamo scheletri nascosti, tutti commettiamo errori ma dobbiamo esser consci delle conseguenze e delle ripercussioni che comportano.
Inoltre -anche se non si tratta del messaggio principale-, Jane ci porta parzialmente a conoscenza di come sia particolare la vita di un genitore che si trova a gestire un figlio che soffre della sindrome di Asperger.
Insomma, un intenso thriller e sono sicura non vi deluderà.
Ora vi lascio alla lettura.
Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *