Blog

Un caffè non è mai solo un caffè

Ciao ragazzi, 

quante volte ci troviamo davanti alla tazzina da caffè la mattina appena svegli?

Quante volte la guardiamo ancora addormentati e ci poniamo domande sperando che il caffè ci risponda?

Si, lo so, sono strana, eppure mi capita spesso di farlo e di sfogare i miei pensieri a quella brodaglia scura senza dover nemmeno parlare.

Ecco, questa mattina, mentre i miei amici sorridevano -anzi ridevano-, io mi ero incantata su questa tazzina di caffè che mi aveva preparato Cri, uno di loro.

Mi trovavo ad ammirare la schiuma e ci vedevo il deserto dove io camminavo in solitaria vittima delle mie emozioni e del mio vissuto.

Di colpo però non mi trovavo più in quel deserto caldo ma su una distesa di sabbia marina davanti ai primi dolci raggi del tramonto.

Lì, con i piedi sprofondati in essa, non ero più sola.

C’erano visi amici che sorridevano con me, che crescevano, giocavano, si prendevano in giro…un po’ come si vede nei film.

E allora voi penserete che questo esiste davvero solo nelle pellicole ma vi sbagliate e forse io l’ho capito davvero oggi, solo oggi.

A volte si crede di esser soli a portare un fardello grande, immenso; si crede di esser soli anche a gioire, a crescere, a maturare quando invece c’è sempre qualcuno su cui poter contare.

Certo, ci sono mio marito e mia figlia, ma tutti noi sentiamo il bisogno dell’amicizia ed essa ci da un sapore diverso, un clima differente.

Ecco, proprio per questo, oggi ho capito di non esser sola, di non esser chiusa in un deserto dove il nulla mi avvolge.

Oggi, con gli occhi pieni d’emozione, davanti a un caffè fumante, ho capito che non sono sola davanti alle gioie ma, soprattutto, non sono sola di fronte alle battaglie!

Ecco, cari amici, sappiate che nessuno di voi lo è.

Non abbiate paura di mostrarvi per come siete, di mostrare e condividere anche le emozioni e i vissuti più personali.

L’amicizia è un dono prezioso, e sono sicura che se voi ora vi sedete davanti a una tazza di caffè e pensate agli amici, nel vostro cuore compaia subito il nome di coloro che rispecchiano questo.

Allora chiamateli, scriveteli, guardateli negli occhi e dite loro quanto affetto vi lega e quanto siete grati per questa relazione spontanea e forte che vi unisce anche quando sembrano non esserci appigli sicuri. 

Infine, con loro, con gli amici, sedetevi su questa spiaggia e ammirate il tramonto che vi abbraccia unendo ancora di più la vostra amicizia.

Vi abbraccio

La vostra Ele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *