Blog

Grazie Abracadabra!!!

Passano i giorni, passano le settimane e questo Coronavirus sta segnando e monopolizzando ogni aspetto della nostra vita.

Da quando è approdato in Lombardia, la regione che mi accoglie da quasi 11 anni, mi ritrovo a casa con la mia Carlotta che giustamente ha le sue necessità.

Proprio prima del game-out indetto dal Ministero la maggior parte dei giochi di Carlotta è stata traslocata nella casa nuova insieme a quasi tutte le nostre cose quindi ora ci troviamo in un appartamento semi vuoto con una dolce bimba da distrarre e far giocare.

Per non farci mancar nulla 8 giorni fa la mia caviglia ha ceduto rovinosamente mettendomi ko e complicando notevolmente la vita già ai domiciliari… si, lo so, sono sfortunata.

Devo ringraziare mia suocera che è arrivata a salvarci facendo giocare e divertire Carlotta con tanto amore e dolcezza tenendola impegnata per buona parte della settimana scorsa concedendomi così di riposare e proseguire le letture in scadenza.

Ma ci sono altre persone che nonostante fossero e siano ancora ai “domiciliari” si prodigano ogni giorno per allietare, coccolare e divertire anche solo per pochi minuti mia figlia e tutti i suoi compagni d’asilo; questa sera ho voglia di ringraziarli perché nulla di ciò è dovuto quindi eccovi le mie parole per loro.

Chi mi segue sa che mia figlia frequenta l’asilo Abracadabra di Brescia ormai da quasi tre anni.

Entrare in questa struttura significa aprirsi a un mondo nuovo, a un incontro inaspettato e accrescitivo non solo per il bimbo ma anche per il genitore.

Abracadabra diventa come una seconda casa dove mia figlia ha trovato non solo delle insegnanti, delle nuove amicizie e dell’ottimo cibo, ma si è creata una sorta di famiglia dove ogni aspetto della giornata ha lo scopo di unire, abbattere le barriere e porre le basi per una crescita serena.

Ecco, non nego che a mia figlia manchino le sue giornate all’asilo; le manca questa quotidianità fatta di regole, giochi, lavoretti, canzoni, balli, sorrisi, affetto e amicizia ed è qui, in queste settimane lontano da questa “seconda casa” che si vede quanto tutto non si sia fermato davvero.

Dopo un periodo di assestamento e di tensione caratterizzato dalla novità dettata da questo virus e dalla speranza che tutto si risolvesse in breve tempo, le maestre e i vari insegnanti esterni si sono prodigati per allietare le giornate dei loro alunni.

E come?

Con dei video.

Video dove le maestre salutano i loro alunni, dove gli leggono una storia, gli raccontano le giornate, gli fanno sentire amati.

Con dei giochi e delle spiegazioni per dei lavoretti che mandano a noi rappresentanti sul mitico gruppo WhatsApp.

Noi poi giriamo il tutto ad ogni genitore affinché, con degli oggetti facilmente reperibili, possa far giocare il proprio figlio e magari rallegrarlo perché anche lui, forse più di noi, sta vivendo pesantemente questo cambio di routine che lo destabilizza.

Ecco, è per tutto ciò che ora mi trovo qui a scrivere di loro.

Ritengo che l’asilo di mia figlia sia differente anche per questo.

Ritengo che potrebbero “lavarsene le mani”; aspettare semplicemente che tutto piano piano passi e si torni alla normalità.

Invece sono qui, ogni giorno, a dedicare del tempo ai loro bimbi, a noi genitori e a dare aiuto come possono.

Forse per molti è scontato, doveroso, o forse poco ma per me non è così.

Quando la mia dolce Carlotta mi dice “Mamma, mi metti i video delle maestre?”, quando la sento canticchiare con la canzone del maestro Alessandro, quando la vedo intenta ad ascoltare la storia della maestra Luisa, quando la guardo sorridere ascoltando la maestra Marisa e quando la spio e la trovo impegnata a fare i “compiti” datale dalla sua maestra Marica… ecco, quando vivo quei momenti, voglio dire solo un enorme GRAZIE a ogni maestra e maestro che rende reale tutto ciò perché tutto è fatto con amore.

L’Abracadabra è un asilo differente e lo si nota anche in questo.

Lo so, lo so, sarò stata noiosa ma troppe volte diamo per scontato o non ringraziamo abbastanza e io credo invece sia doveroso farlo quindi…

GRAZIE alle maestre Marica, Luisa, Elisabetta, Vanessa, Chiara, Marisa, Sara, ai maestri Alessandro ed Hugo e a quelli della scuola di sci Maniva!

Un abbraccio

Ele & Carlotta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *